03 ott 2007

Dubai / 7

Come vestirsi, comportarsi, eccetera.

Pur essendo in un paese musulmano, Dubai e' una citta' che non presenta praticamente problemi di comportamento per il turista mediamente educato. Avendo puntato tutto sugli affari e il turismo, Dubai e' affollata di occidentali che mantengono pressapoco il loro solito stile di vita.
Detto cio', bisogna sempre ricordarsi di essere in un paese dove la religione detta le leggi principali di comportamento e in cui e' buona norma porre un po' di cura per non offendere i locali.
All'interno degli alberghi e nei relativi club e discoteche uomini e donne si vestono e comportano come in Occidente. Per le donne non e' in generale un problema guidare o camminare per strada da sole e al massimo saranno oggetto di qualche occhiata un po' piu' insistente, ma in fondo questo e' la cosa per cui l'Italia era famosa tra gli americani durante la Dolce Vita... Nessuno comunque importunera' le donne per strada, soprattutto se saranno evitate le minigonne e le scollature eccessive. Nei suk del centro si potra' comunque comprare per pochi euro un'Abaya (il vestito tradizionale tradizionale femminile), da portare col velo o senza e anche parzialmente aperto sul davanti, per acquistare immediatamente anche maggiore rispetto per la strada, oltre che una certa eleganza.
Negli alberghi frequentati dagli occidentali e' possibile farsi servire birra e anche superalcolici, che invece non si trovano negli altri locali e nei supermercati. Se proprio non potete resistere senza alcolici, il duty free all'aeroporto e' l'ultima occasione per acquistarne. Va evitato di bere alcol in ogni altro luogo pubblico, come segno di rispetto per chi rispetta i precetti dell'Islam, come va anche posta attenzione al mese santo del Ramadan, durante il quale i musulmani non mangiano ne' bevono dall'alba al tramonto, evitando di mangiare, bere o fumare sfacciatamente di fronte a chi sta digiunando.
In generale, le persone sono amichevoli e ben disposte a chiacchierare o essere d'aiuto.
Tenete conto che la contrattazione e' l'anima di ogni commercio.
Tenete sempre presente che avrete a che fare con molti tipi diversi di persone: i locali, che in realta' sono una minoranza e in generale ci tengono a distinguersi, vestendosi col vestito nazionale e la kefia e mostrando generalmente un atteggiamento piu' conservatore ma pur sempre molto cordiale; pachistani e altre etnie musulmane, piu' o meno ligi ai precetti religiosi; indiani o bengalesi, non musulmani; svariate etnie africane; filippini cattolicissimi, oltre a europei di ogni genere; ognuno con la propria diversa sensibilita', morale, e le proprie abitudini e usanze.
Le 5 chiamate alla preghiera scandiscono la giornata ma non interrompono il flusso del lavoro o del traffico, e nei luoghi piu' turistici puo' accadere di non rendersi nemmeno conto che molti musulmani comunque trovano il tempo e un angolo appartato per la preghiera. Se siete in un luogo frequentato da pochi occidentali, cercate di capire se la maggior parte dei presenti vuole interrompere le attivita' per la preghiera o meno, e rispettate di buon grado chi ha intenzione di pregare. Solitamente, dopo il richiamo c'e' un certo tempo disponibile per iniziare a pregare e sono rare le persone che si attengono con estrema precisione agli orari prescritti (che comunque sono pubblicati giornalmente sui quotidiani). Non c'e' problema a chiedere garbatamente se e' necessario fare una pausa per chi vuole pregare o a informarsi sugli orari delle preghiere per programmare gli impegni: i locali sanno benissimo che noi Occidentali siamo abbastanza ignoranti sulle loro usanze e sono solitamente ben felici di spiegarle.
Ricordate che fuori da Dubai la situazione puo' cambiare anche drasticamente e nelle altre citta' e' possibile che sia richiesto un comportamento molto piu' ligio alla morale islamica.
Visto che Dubai e' un posto perfettamente sicuro da visitare, il metodo migliore per comprendere le abitudini dei locali e' di mischiarsi a loro passeggiando per Deira o Bur Dubai e osservando i comportamenti delle altre persone.

Nessun commento: