Sep 17, 2008

Libro delle vacanze / 2


Vito Bianchi - Marco Polo Storia del mercante che capi' la Cina.

Questo libro, scritto con un lessico ricchissimo, mi ha fatto pensare al testo della canzone di Francesco Guccini "Asia", una vera poesia:

Fra i fiori tropicali, fra grida di dolcezza, la lenta, lieve brezza scivolava
e piano poi portava, fischiando fra la rete, l'odore delle sete e della spezia.

Leone di Venezia, Leone di San Marco, l'arma cristiana è al varco dell' Oriente:
ai porti di ponente il mare ti ha portato i carichi di avorio e di broccato.

Le vesti dei mercanti trasudano di ori, tesori immani portano le stive;
si affacciano alle rive le colorate vele, fragranti di garofano e di pepe.

Trasudano le schiene schiantate dal lavoro, son per la terra mirra, l'oro e incenso.
Sembra che sia nel vento su fra la palma somma il grido del sudore e della gomma.

E l'Asia par che dorma, ma sta sospesa in aria l'immensa, millenaria sua cultura:
i bianchi e la natura non possono schiacciare i Buddha, i Chela, gli uomini ed il mare.

Leone di San Marco, leone del profeta, ad est di Creta corre il tuo vangelo;
si staglia contro il cielo il tuo simbolo strano: la spada e non il libro hai nella mano.

Terra di meraviglie, terra di grazie e mali, di mitici animali da bestiari;
s'arriva dai santuari, fin sopra all'alta plancia, il fumo della gangia e dell'incenso.

E quel profumo intenso è rotta di gabbiani, segno di vani simboli divini
e gli uccelli marini additano col volo la strada del Katai per Marco Polo

Anche se la versione migliore rimane quella suonata dai Nomadi in Like a sea never dies che purtroppo non riesco a trovare in rete per linkarla qui.

No comments: