Oct 28, 2008

non capisco non capisco non capisco

Oggi me ne camminavo bel bello per le strade del mio paesucolo, che potremmo definire di "hinterland, grazie a dio estremamente esterno," di Milano, e pensavo come al solito alle misure draconiane che adotterei per mettere a posto le cose che non mi vanno bene.

Per rendere immediatamente piu' vivibile il paesucolo, ho in serbo un solo provvedimento: esso consisterebbe nel rendere obbligatoria la costruzione di almeno un marciapiedi su tutte le vie. Cio' risolverebbe a catena una serie di fastidi tipo il fatto che per le nostre viuzze strette e sbilenche attualmente circolano TIR stracolmi di ghiaia e sfrecciano a tutta velocita' tamarri alla guida delle loro PuntoTurboBluConL'alettone.

Ma oltre a questo, cio' di cui mi disgusto ogni volta e' il sorgere di nuove palazzine in ogni angolo possibile e immaginabile (e anche inimmaginabile). Una colata di cemento continua, inarrestabile e oserei dire sacra. Benedetta dall'amministrazione comunale, dagli impresari che siedono in Consiglio, e da un piano regolatore che prevede una crescita della popolazione da 7000 a 10000 unita'. L'ignoranza della gente, che non capisce che sommergere di cemento tutto quanto ci circonda e' una mossa sbagliatissima a breve, medio e lungo termine, non mi soprende. Non mi sorprende nemmeno che a nessuno dia fastidio il fatto che la priorita' dell'amministrazione comunale sia quella di far guadagnare quei quattro-cinque impresari edili invece di rendere la vita migliore al cittadino. Mi lascia pero' sempre un po' dubbioso il fatto che questa colata di cemento, volta a creare tanti begli appartamentini per incrementare gioiosamente e lucrosamente la popolazione del paesucolo, sia attualmente spinta da un'amministrazione di destra, che ovviamente ha vinto le passate elezioni con percentuali bulgare, e che non trova in cio' nessuna contraddizione con l'altrettanto martellante politica di rifiuto verso gli immigrati, che siano arabi, africani o rumeni, portata avanti dalla stessa destra a livello nazionale e locale. Ma se prima non volevamo i terroni, e poi non volevamo i senegalesi, e ora non vogliamo i rumeni, e se nel frattempo la popolazione "italiana" continua a non crescere, MA PER CHI CAZZO LE STIAMO COSTRUENDO TUTTE QUESTE CASE???
Ogni posizione e' legittima, in democrazia. Ma almeno un po' di coerenza, dio santo!
Il paesucolo passera' da 7000 a 10000 abitanti.
Gli italiani non fanno piu' figli.
Gli immigrati non li vogliamo.
Non capisco non capisco non capisco.

No comments: