04 apr 2010

rassegna stampa / 2

Per prima cosa, un video che mi e' stato linkato su Facebook e che si intitola minacciosamente "The death of the Internet?".

Alessandra me lo segnala e si chiede: "Ma e' vero?"

La questione e' complessa, e questo video la semplifica. Forse troppo, a mio parere, e in maniera un po' fuorviante.
Il problema di base di tutto il dibattito sulla "Net Neutrality" e' che finora e' stato praticamente impossibile accordarsi su una definizione precisa di questa "Neutrality" e, peggio ancora, c'e' una grande confusione su cosa sia effettivamente la "Net".
Internet, come dice il nome, e' un sistema di interconnessione di reti basate sul protocollo IP. Ognuna di queste reti e' gestita da un operatore privato. L'interconnessione e' garantita da accordi, gratuiti o a pagamento, tra tali operatori.
Internet non ha seguito la stessa evoluzione dell'altro mezzo di comunicazione in qualche modo assimilabile ad essa, cioe' il telefono. L'infrastruttura telefonica e' stata promossa, gestita e in qualche modo garantita ai cittadini dallo Stato, che continua -fortunatamente, e speriamo ancora a lungo- a considerarla una risorsa di strategica importanza e un diritto dei propri cittadini. Internet invece, e' nata come un'iniziativa transnazionale, guidata dai giganti delle telecomunicazioni proprio mentre questi venivano sempre piu' privatizzati.
E' invece percezione comune che la connettivita' Internet libera e illimitata sia un diritto e che quindi lo Stato dovrebbe garantirne la disponibilita' ai cittadini.
Da qui lo scontro.
Sarei il primo a sostenere una nazionalizzazione del backbone IP. Ma le cose non stanno cosi', e non c'e' niente all'orizzonte che suggerisca che possano cambiare. Pretendere di coniugare il diritto di massimizzazione dei profitti degli ISP e dei Content Provider con il diritto del cittadino ad avere mezzi di comunicazione digitali (come Internet) e', a mio parere, il modo piu' complicato di affrontare il problema.


Altro dai miei bookmark:
Sull'immigrazione: "
Consider that the co-founder of Google is Sergey Brin, a Russian. The co-founder of Sun Microsystems is Vinod Khosla, an Indian. eBay was founded by Pierre Omidyar, who is French. The co-founder of Juniper Networks is an Indian, Pradeep Sindhu. YouTube was co-founded by Steve Chen, who is Chinese. Yahoo! was co-founded by Jerry Yang, a Chinese immigrant. Andy Grove, a Hungarian, co-founded Intel."

Preparandosi per
la venuta del 4G. (che sia LTE o WIMAX)

Una vecchia lista di misurazioni del traffico IPv6.

Alcune considerazioni piuttosto nerd su cosa accade quando inizi ad annunciare 1/8 su Internet.

Nessun commento: