Sep 28, 2011

Grazie Alitalia

Non e' la prima volta che mi accade, avendo comprato un biglietto in classe Economica, di riuscire a fare il check-in online con Alitalia e scegliere un posto nelle prime file, quelle solitamente riservate alla classe Business. Fino ad oggi nessuno aveva avuto niente da ridire. A un certo punto mi ero persino illuso che Alitalia avesse riconosciuto in me un cliente affezionato e deciso di ricompensarmi in questo modo. 
Oggi invece io e il mio collega ci siamo accomodati in fila 6 ma, insieme ad altri due passeggeri seduti in fila 7 che avevano fatto il check-in online, siamo stati fatti spostare indietro. La conversazione e' stata il consueto esercizio di teatro dell'assurdo, che mi piace sempre fare, giusto per vedere con che tipo di automa ho a che fare:
"Eh guardi c'e' stato un errore, questi sono posti business quindi vi dovete spostare indietro alla fila 15".
"Beh ma scusi io ho fatto il check-in sul vostro sito e mi ha assegnato questo posto, quindi non capisco perche' dovrei spostarmi".
"E' stato un errore. Questi sono posti Business e lei ha un biglietto Economy quindi non puo' stare in Business".
"Guardi, io ho chiesto un biglietto alla mia agenzia viaggi e mi e' stato dato questo, non sono tenuto a sapere in che classe sia; se il vostro sito mi assegna la fila 6, io assumo che vada bene".
"E' stato un errore. Le macchine sbagliano".
"NO, LE MACCHINE NON SBAGLIANO". Qui mi accaloro sempre un po'. "E' chi ha programmato le macchine che sbaglia, i computer fanno solo quello che gli e' stato detto".
"Eh si' e' stato un errore umano".
"OK, e' stato un errore umano e allora che fate?"
"Le facciamo le nostre scuse..." Ecco, brava stronza, penso io, alla fine te l'ho proprio dovuta strappare a forza la parola "scuse"... Magari se me le facevi all'inizio, invece di intimarmi lo spostamento in fila 15, io ero un po' piu' ben disposto. "...e poi non e' nostra responsabilita', noi non ci possiamo fare niente..." la solita solfa. No beh, figuriamoci se e' la tua responsabilita', figuriamoci se tu ci puoi fare qualcosa. Non e' mai la responsabilita' della persona con cui stai parlando. Non ci puo' fare mai niente. Questo e' il grande trucco dell'Assistenza Clienti del XXI Secolo.
"Guardi, io lo so benissimo che voi non ci potete fare niente, e che queste sono le regole, e soprattutto non me ne faccio niente delle vostre scuse. Prendo atto che VOI sbagliate e IO mi devo spostare". E ci spostiamo tutti. Tutto molto pacatamente, ovviamente, in quanto come detto si trattava di una conversazione tra me e un'automa (la hostess) la cui conclusione era gia' nota in partenza. Volevo semplicemente affermare che io sono l'umano e loro i cyborg.


La cosa che mi scoccia e' che non solo fare il check-in online fa risparmiare tempo e carta alla compagnia aerea (e non mi pare di aver mai ricevuto un ringraziamento per questo), ma che il beneficio principale dell'operazione e' quello di scegliersi il posto preferito, per essere ad esempio nelle prime file e non dover aspettare mezz'ora per scendere dall'aereo una volta atterrati, oppure per sedere vicino a un collega. Che senso ha fare il check-in online se poi una volta sull'aereo mi viene assegnato un posto a caso a causa dell'incompetenza di chi ha programmato il sito web?


Ah, poi ovviamente dei 21 posti di Business Class, solo 2 erano occupati.

No comments: