22 mag 2012

Sprechi

Mi viene da ridere quando leggo i consigli sull'ethical living e robe del genere.
Dopo 6 anni che lavoro da casa, solo ora ho quasi finito la montagna di carta da riciclo che avevo prodotto/recuperato nei tre anni precedenti in ufficio.
Sto ancora riutilizzando come block notes un'agenda del 2000: oggi ho trovato una pagina in cui c'era appuntato "CRACK WINZIP <----". 

13 mag 2012

Due articoli

Una cosa che io dico da sempre: "Face it, the US economy is socialist" in quanto "the fact is that state and federal governments spend billions on corporate welfare". Ovviamente la chiave del discorso sta nell'abuso di termini come "socialismo" e "comunismo" che viene fatto dai politici occidentali.


E poi, un'interessante lettura sulla nuova bolla speculativa che si sta sviluppando intorno alle start-up tecnologiche che vengono valutate miliardi sulla base di valutazioni a dir poco opinabili. "Look how well this worked for Instagram, which had zero in revenue and was bought for $1 billion".

6 mag 2012

Bella perlina

A un certo punto, forse, l'Italia è stata un paese industrializzato. Poi, le industrie sono state chiuse, e ora le stanno rimpiazzando con tanti bei casermoni residenziali. Finora l'Italia non è riuscita a spostare la sua economia verso il terziario, soprattutto quello ad alta innovazione su cui i paesi occidentali dovrebbero puntare; e dubito che riuscirà mai a farlo. E' per questo che bisognerebbe mettersi l'anima in pace e puntare tutto sul turismo e la cultura. Siamo il Paese che al mondo esercita più fascino per i sui paesaggi, la sua storia, le arti, la cucina, il "way of life". Sembra però che stiamo buttando nel cesso anche tutto questo.

E mentre noi lasciamo crollare le rovine di Pompei, all'estero continuano a ingegnarsi per aggiungere un tocco di "italianità" in tutti i prodotti.