11 mag 2014

Non nel senso di "grossa canna"

Scopro oggi l'esistenza di cannoni utilizzati dagli agricoltori per spaventare gli uccelli. "Questi apparecchi sono formati da una camera di combustione, una lunga canna ed un basamento per l'ancoraggio a terra. La camera di combustione, una volta riempita di gas combustibile viene innescata da un detonatore piezoelettrico generando una potente deflagrazione [...] ad intervalli variabili da alcuni secondi a diverse ore". A me sembra una follia.
Non dico il silenzio, ma la tranquillità non interessa proprio più a nessuno? Tra casa mia e la zona industriale del paese vicino c'è, in linea d'aria, circa un chilometro e mezzo. Wow, ben 1500 metri di campagna (peraltro all'interno del Parco del Ticino), nella quale era possibile sfuggire alle auto, ai motorini, agli impianti hi-fi, alle sirene d'allarme, alle motofalciatrici e persino ai ciclisti che sfrecciano, silenziosi sì, ma letali, sull'alzaia del Naviglio. Ora invece, alla sera e per gran parte della notte, ogni tre minuti, boom!

Boh, ripeto: a me sembra follia. Ma è chiaro che se alla sera sei tappato in casa con la TV a tutto volume, del cannone a gas manco te ne accorgi.

PS: volevo chiedere chiarimenti ai vigili, e sono andato sul sito del Comune. Ho notato con piacere che c'è persino un modulo per "esposto per inquinamento acustico", e ho subito cliccato:


PS: la "grossa canna" è una citazione di questo. (minuto 2:48)

Nessun commento: