28 ott 2014

"Ti attacchi"

Ogni tanto faccio queste fulminanti associazioni mentali.
Oggi ho letto questo titolo di giornale:
Nonostante l'accostamento possa sembrare fuori luogo, lo stile dittatorial-infantile di questo governello che ci ritroviamo mi è parso molto congruente col comportamento della Vodafone che ho avuto modo di sperimentare un paio di giorni fa. 
Il mio "problema" con la Vodafone (lasciamo stare i miei problemi col governo) è che ho una SIM dati su una Internet Key con 28,43 Euro di credito residuo, il credito viene consumato 15 Euro per volta (anche qui tralasciamo quanto sia delirante, nel 2014, pagare 15 Euro (o addirittura 20, in certi casi) 7 Gigabyte di dati), e le ricariche sono possibili solo in tagli predefiniti di 5, 10, 20, 25 Euro e così via. Il risultato è ovviamente che al termine dell'uso della Internet Key dovrò regalare almeno 3,43 Euro alla Vodafone. Di ricariche per importi "rotti" ovviamente non se ne parla, e nemmeno di ricariche per multipli di 15 Euro.
Sono andato in un negozio e dopo aver atteso circa un'ora mentre il commesso spiegava a una coppia di subumani come far funzionare il loro tablet cinese, la mia pratica è stata sbrigata in trenta secondi con un "non si può fare" corredato dal fantastico consiglio di trasferire il credito residuo su un'altra SIM. Ah però la SIM dev'essere sempre intestata a me. Ah e poi bisogna farlo tramite raccomandata.
Allora ho scritto alla Vodafone su Facebook (i call center fanno così anni '90, li usano solo più i pensionati) e anche lì mi hanno celermente risposto rimandandomi alla pagina delle ricariche e ignorando totalmente la mia domanda sui 3,43 Euro. Del tipo "buongiorno vorrei ricaricare un Euro e sessantasette, come posso fare?" - "Ciao Marco! clicca qui e ricarica 5 Euro".

La cosa che mi colpisce è che in entrambi i casi -il governo verso i cittadini, l'azienda verso i consumatori- la risposta sia sempre la stessa: "non vogliamo aiutarvi, attaccatevi al tram". Questa convergenza di vedute, francamente, mi preoccupa alquanto.

Nessun commento: